Aspettando il Messia: cronaca e metastoria nel SEFER YUḤASIN di Abraham Zacuto (1452-1515 ca.)

“Tra gli ebrei espulsi dalla Castiglia nel 1492 vi fu Abraham Zacuto (1452-1515?), famoso astronomo ed astrologo il quale aveva lavorato per alcuni signori spagnoli cristiani e per i re di Portogallo, Giovanni II e Manuel I, fino al tempo delle espulsioni (1492-1497). In seguito, era approdato a Tunisi dove completò il suo Sefer Yuḥasin (1504-1505), definito secondo le parole di Abraham Aharon Neuman, «a medley of historical biographical notes, reminiscences, comments and observations which often express his inner thoughts». È assai arduo definire l’opera: né scrittura storica vera propria, né una cronaca. Nell’ultimo capitolo sui re di Israele e Giuda e sulle popolazioni del mondo conosciuto, la storia e la mitologia sono impiegate nei campi dell’apologetica e della polemica anticristiana ma anche come valido strumento nello studio della Torah e del Talmud per gli studenti.”

Il 1492 rappresenta una data fondamentale per chiunque si appresti a considerare la storia degli ebrei nella Penisola iberica. Proprio all’inizio di quell’annus terribilis, i reali spagnoli Ferdinando e Isabella, alleati nel sacro vincolo del matrimonio, dopo aver piegato Granada, ultima roccaforte musulmana in Spagna, avevano portato a compimento il progetto della Reconquista, inaugurando così una nuova stagione politica all’insegna di un cattolicesimo particolarmente intransigente.