L’Inquisizione tra narrativa e ricerche. A proposito di un seminario organizzato da Marina Caffiero e Andrea Del Col

Marina Caffiero in apertura dei lavori sottolinea la continuità che lega questo seminario alle iniziative degli anni precedenti: la necessità di fare uscire il più possibile il dibattito legato alla storia, nel caso specifico all’Inquisizione, al di fuori dei circuiti accademici. Un tema di cui si è cominciato a parlare con maggiore intensità fin dall’uscita di Pasque di sangue di Ariel Toaff, evento che ha influenzato profondamente il modo di percepire, e di fare storia, e l’uso pubblico, politico e civico che della storia si fa. Non è un caso che negli ultimi anni, pur con grande ritardo rispetto al mondo anglosassone, si sia cominciato a parlare di public history: una disciplina di assoluta centralità quando si parla di divulgazione.