História da Inquisição Portuguesa, 1536-1821, Lisboa, Esfera dos Livros, 2013   »

História da Inquisição Portuguesa, 1536-1821, Lisboa, Esfera dos Livros, 2013 »

Giuseppe Marcocci e José Pedro Paiva raccontano come è stato ideato e scritto il libro História da Inquisição Portuguesa, 1536-1821.


Perché una storia generale dell’Inquisizione portoghese?

L’idea di scrivere una storia generale dell’Inquisizione portoghese era nell’aria da qualche tempo, quando nel 2009 Sofia Monteiro, editor di una delle maggiori case editrici iberiche, Esfera dos Livros (che pubblica sia in Portogallo, sia in Spagna, con il nome di Esfera de los Libros, e di cui è proprietaria Rizzoli), propose a José Pedro Paiva di fare un tentativo in questa direzione. Infatti, nonostante il libro di Francisco Bethencourt dedicato a una storia comparata dei tre tribunali inquisitoriali d’età moderna (1994), che ha lasciato un segno nella storiografia sull’Inquisizione portoghese, e nonostante l’abbondanza di studi recenti sui più disparati aspetti dell’attività del Sant’Uffizio in Portogallo e nel suo impero transoceanico, sul suo impatto sulla società e sulla cultura, e sulla storia delle sue vittime, più o meno illustri (presi in esame da Giuseppe Marcocci in una rassegna intitolata “Toward a History of the Portuguese Inquisition: Trends in Modern Historiography (1974-2009) “, Revue de l’histoire des religions 3, 2010: 355-393), continuava a mancare una sintesi, anche contenuta, sui quasi tre secoli di storia del tribunale portoghese.