Articoli

Una piccola serie di studi stimolanti sull'Inquisizione romana

di Andrea Del Col
05.09.2014

Sono usciti di recente alcuni libri che offrono modo di seguire lo sviluppo degli studi sull'Inquisizione romana, fornendo nella maggior parte dei casi ricerche interessanti e innovative.


Sono usciti di recente alcuni libri che offrono modo di seguire lo sviluppo degli studi sull'Inquisizione romana, fornendo nella maggior parte dei casi ricerche interessanti e innovative. 1. L'edizione dei processi inquisitoriali in una fortezza veneziana Nel quadro delle edizioni critiche di processi dell'Inquisizione romana, sempre più ricche e stimolanti, il volume di Giuseppina Minchella, «Porre un soldato alla Inquisitione». I processi del Sant'Ufficio nella fortezza di Palmanova, 1595-1669, prefazione di Giovanna Paolin, Trieste, Edizioni Università di Trieste, 2009, CCXXIV, pp. 466, che presenta gli atti inquisitoriali riguardanti la fortezza di Palmanova, occupa un posto particolare. Anzitutto per la singolarità di questa vicaria foranea del Sant'Ufficio, che comprendeva un territorio molto piccolo, ma con una popolazione eccezionale: i soldati mercenari al servizio della Repubblica di Venezia e i civili che vivevano in loro funzione. Poi per altre particolarità ecclesiastiche che segnarono in modo molto forte l'attività del Sant'Ufficio nella piazzaforte, soprattutto la dipendenza della nuova chiesa parrocchiale dalla chiesa dogale di San Marco, quindi sotto la giurisdizione della più alta autorità statale e non di quella del patriarca aquileiese. Il libro comprende una consistente introduzione per oltre 200 pagine e l'edizione degli atti processuali in altre 430 pagine, per i primi settant'anni dell'azione inquisitoriale nella fortezza.

Continua la lettura (non è necessario il reader PDF)

Scarica il file Pdf

Stampa Invia ad un amico Testo in pdf


Newsletter
Invia la tua email per iscriverti alla newsletter. Riceverai informazioni sugli aggiornamenti e sulle attività del sito


Collabora con noi. Controlla i temi dei prossimi Call for papers. Oppure invia un tuo testo inedito. La redazione valuterà se pubblicarlo su uno dei prossimi numeri